martedì 12 settembre 2017

Recensione Always and Forever, Lara Jean






Buongiorno! Qui è la vostra Katy che vi parla e oggi vi saluto da quassù perché volevo salutare questa trilogia in un modo particolare, forse un po' speciale: un mesetto e mezzo fa ho letto questo libro, che per la cronaca mi è piaciuto tantissimo, forse non così tanto all'inizio ma ho adorato in maniera così spropositata la seconda parte che tutto il resto non è stato nemmeno preso in considerazione, e alla fine mi sono detta "Perché non le scrivi una lettera, in cui la saluti e dici quello che ti è piaciuto di più della sua storia?". E così eccomi qui, a vedere se ne esce qualcosa di decente.
P.S. potrebbe essere un bel po' più breve delle mie solite recensioni, perché in fin dei conti deve avere la parvenza di una lettera...


Titolo: Always and Forever, Lara Jean
Autore: Jenny Han
Genere: Young Adult
Casa editrice: Simon & Schuster
Prezzo: €12.73 (copertina flessibile)
Pagine: 336






Trama
Lara Jean sta avendo il miglior senior year che una ragazza possa mai sperare. Lei è perdutamente innamorata del suo ragazzo Peter; suo padre si sta finalmente per risposare con la loro vicina di casa, Ms. Rothschild; e Margot sta per tornare a casa per l'estate, giusto in tempo per il matrimonio.
Ma cambiamenti sono all'orizzonte. E mentre Lara Jean si sta divertendo e si sta tenendo impegnata con l'organizzazione del matrimonio di suo padre, non può ignorare le grandi decisioni che deve fare. In particolare, dove vuole andare al college e cosa questo significa per la relazione con Peter. Lei ha guardato sua sorella andare attraverso questi grandi dolori. Ora Lara Jean è quella che si diplomerà dal liceo e che andrà al college e lascerà la sua famiglia - e forse il ragazzo che ama - dietro di lei.
Quando il tuo cuore e la tua testa dicono due cose differenti, a quale dovresti dare ascolto?
Recensione
Cara Lara Jean,
  quando ho iniziato a leggere il primo libro della tua storia non credevo che potesse essere così bello, e invece ho dovuto ricredermi, quello che inizialmente non mi sembrava niente di eccezionale è diventato il mio secondo libro preferito di quest'anno.

Anche il secondo mi è piaciuto molto, sebbene non mi abbia regalato esattamente le stesse emozioni del precedente, che mi aveva fatto sentire le farfalline nello stomaco... lo so, lo so, tu potrai dire, ma le farfalle nello stomaco non si sentono solo quando ti innamori? Be', con me non funziona così, per il momento io mi limito a innamorarmi dei libri, dei personaggi e delle loro storie, proprio come mi sono innamorata di "To All The Boys I've Loved Before", inaspettatamente.

Ecco, forse si può dire che io e te siamo un po' simili, tu hai scritto lettere d'amore ai tuoi innamorati, mentre io ho mandato pensieri d'amore ai libri che mi hanno fatta emozionare di più, ai libri che mi sono entrati nel cuore, senza che io me lo aspettassi veramente (pensa che il mio libro preferito è quello che prima non avrei degnato di uno sguardo).
Ma sto divagando.

Sapevo che originariamente la tua storia doveva essere raccontata sotto forma di una duologia, infatti il finale di "P.S. I Still Love You" era abbastanza conciliatorio, ma Jenny Han ha deciso che la tua storia sarebbe finita con la fine del liceo, poco prima dell'inizio del college. Quale migliore finale poteva esserci di questo?

All'inizio ammetto che la storia ci ha messo un po' ad ingranare, era uno sguardo su una situazione di tranquillità, fatta di tanto amore, il tuo per Peter, quello di Peter per te, il tuo per la tua famiglia e viceversa, fatta di preparativi per un matrimonio imminente e fatta di felicità, con qualche eccezioncina, ovviamente, ma pur sempre felicità. 
Poi sono iniziati ad arrivare i guai seri: tu aspettavi l'ammissione al college che desideravi, l'UVA, per poterci andare con Peter che era già dentro grazie al lacrosse, e tutti erano sicuri che ci saresti entrata, per via dei tuoi ottimi voti. Tuttavia, le cose non sono andate come speravi e hai dovuto guardarti altrove, rifare i piani tutti da capo e capire meglio cosa avrebbe significato, non solo per la vostra relazione, ma anche e soprattutto per te stessa. So che cosa si prova quando si ripone troppa fiducia in qualcosa e poi c'è una deviazione, solo che a me è sempre capitato con le persone, più che con il corso della vita, però mi è piaciuto come non ti sei lasciata andare alla disperazione e hai sempre cercato un modo per far funzionare le cose.
Dal canto suo, Peter non è che abbia fatto proprio grandi sforzi, eh. Io capisco che ci tiene moltissimo a te, lo si vede da come ti tratta, però è anche vero che quando la vita prende una direzione differente da quella che si pensava non bisogna reagire male, non come ha fatto lui, che ogni tanto è diventato un ragazzo di pietra, lasciando da parte la sua armatura di pane.

Ammetto anche che non avevo un buon presentimento su ciò che sarebbe accaduto alla fine, mi immaginavo scenari tremendi, tutti quanti in cui il mio povero cuoricino veniva accartocciato e buttato da una parte. E ammetto anche di essere stata un po' troppo fatalista, perché effettivamente certi scenari erano molto poco carini (tranquilla, in nessuno moriva qualcuno), ma questo è colpa della mia fervida immaginazione, che farebbe invidia a certi autori.
Immaginazione a parte, ho amato il finale con tutto il mio cuore, non credevo che ci potesse essere un finale così bello e così giusto ed è stato una degna conclusione della tua storia, almeno di quella pre-college, per cui sono molto soddisfatta (i miei feels ringraziano tantissimo), anche perché è stata talmente bella che mi ha fatto dimenticare il fatto che c'è stata una parte che non mi stava emozionando tanto quanto mi aveva emozionato in precedenza la tua storia (era un parte molto piccola, però).

Ora che è tutto finito non so bene cosa dire, forse perché non ci sono parole per esprimere quanto mi siano piaciuti questi libri, in particolare il primo che aveva una poeticità tutta sua. Ecco, mi azzardo a dire che questa storia è poesia, almeno dal mio punto di vista, perché è qualcosa di molto dolce e raffinato, che non cade mai nel melenso (altrimenti non penso mi sarebbe piaciuta così tanto se fosse stata dolce in maniera stomachevole), e ha anche un sentore di vecchio, non so se capisci cosa intendo... oltretutto, l'idea di scrivere delle lettere per, in qualche modo, sigillare dei ricordi e delle emozioni è bellissima, mi piacerebbe riuscire a scrivere delle lettere per qualcuno in cui racconto tutto, come mi sono sentita, eccetera eccetera, ma penso che poi finirebbero tutte per dire più o meno la stessa cosa perché ho avuto, e ho, una vita molto monotona: "ho sempre e solo avuto amicizie a triangolo, in cui venivo esclusa, e tu ha fatto parte di una di queste amicizie incriminate, per cui mi sono sempre chiesta se non fossi all'altezza di avere certi amici. In compenso, tutto quello che hai fatto mi ha reso ciò che sono, quindi credo di doverti ringraziare, forse.". Mmm, no, forse meglio che io non scriva lettere del genere!

Come mi capita quando leggo una storia molto bella, almeno ai miei occhi, mi mancherai Lara Jena, tu, la tua famiglia e Peter, mi mancheranno le tue lettere e le tue avventure, però sono molto contenta di aver avuto l'opportunità di leggere la tua storia, di conoscere il tuo mondo e il tuo essere perché ho preso qualche piccolo insegnamento, come faccio sempre, e anche qualche spunto per sognare di più di quanto io non faccia.
E forse dovrei anche ringraziare Jenny Han per aver trascritto la tua storia e per essere stata in grado di farmi sentire le farfalle nello stomaco molto spesso, oltre che per aver dato un degnissimo finale alla serie.

Abbi cura di te, Lara Jean, non spezzare il cuore a Peter e vedi di non fartelo spezzare.
Arrivederci,
                              Carla (mi sembrava appropriato usare il mio vero nome per questo)

Voto:

6 commenti:

  1. Di questa serie ho letto solamente il primo romanzo, ma non vedo l'ora di leggere anche i successivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, i successivi sono leggermente meno belli del primo, però valgono assolutamente la pena!

      Elimina
  2. Non ho letto tutta la tua recensione perché vorrei leggerlo però mi ispira davvero tanto e non vedo l'ora di leggerlo...il tuo voto è decisamente invitante :D

    RispondiElimina
  3. Bella l'idea della lettera! Grande Katy ❤️

    RispondiElimina