giovedì 18 maggio 2017

Recensione Lontano da Te

Titolo: Lontano da Te
Autore: Jennifer L. Armentrout
Genere: New Adult Paranormal
Casa editrice: Nord
Prezzo: €14.90 (copertina rigida)
Pagine: 316






Trama
Ivy Morgan è una sopravvissuta. Rimasta orfana a diciotto anni, ha imparato in fretta cosa significa doversela cavare da sola e, adesso, non permette agli altri di avvicinarsi a lei, di entrare nella sua vita. Anche perché non vuole rischiare che le facciano troppe domande su come trascorre il suo tempo. Nessuno infatti deve sapere che i genitori erano affiliati a un antichissimo Ordine segreto e che, con la loro morte, è toccato a lei ereditare la loro missione...
Ren Owens è l'ultima persona al mondo per cui Ivy dovrebbe provare interesse; è impulsivo, imprevedibile, ed è troppo arrogante perfino per essere un membro dell'Élite, la sezione dell'Ordine cui vengono affidate le operazioni più rischiose. Eppure è come se Ren l'avesse stregata. Quando guarda i suoi profondi occhi verdi, Ivy sente di volere un destino diverso da quello cui è condannata: sente di volere... lui. E, per la prima volta, ha l'impressione di potersi davvero fidare. Almeno finché non intuisce che Ren le nasconde qualcosa, un segreto che potrebbe distruggere tutto ciò per cui lei ha lottato...
Recensione
Buongiorno! Qui è la vostra Katy che vi parla e anche oggi nessuna gioia all'orizzonte, specie se ci si mettono le verifiche che mi impediscono di leggere i millecinquecentocinquantanove libri che avrei bisogno di leggere perché senza di essi io non vivo! Okay, forse sto un po' esagerando, vivo lo stesso se per qualche giorno non leggo, però sento che tutte quelle belle storie che si trovano sulla mia libreria stanno esercitando su di me un richiamo magnetico ed è doloroso dover dire a ognuno di loro: "Purtroppo non ancora, ma le nostre strade si incroceranno presto, ve lo prometto".
A parte questo, oggi sono tornata per parlarvi di un libro che mi è piaciuto veramente tanto, un bel Paranormal della mia autrice preferita che mi ha fatto immergere nel mondo dei Fae, un territorio per me ancora abbastanza inesplorato.

Ivy è una giovane donna che vive a New Orleans, una città relativamente e apparentemente tranquilla e piena zeppa di turisti: quello che, però, in pochi sanno è che per le sue strade si trovano delle figure pericolose, fate che uccidono gli umani di cui si nutrono o che li soggiogano per far fare loro quello che vogliono privandoli della loro razionalità.
Ivy e l'Ordine, l'"associazione" per cui lavora, hanno da sempre il compito di eliminare questa minaccia, ma cosa succederebbe se non fosse l'unica? E' quello che, suo malgrado, la nostra protagonista si troverà di fronte: una fata che rimane indenne a tutto ciò che dovrebbe riportarla nel suo mondo, che la segue, un nuovo membro dei cacciatori che si rivela molto misterioso (oltre che un uomo dagli occhi magneticamente verdi), una talpa interna e molto altro.

Come al solito, anche in questo caso ci troviamo davanti a una protagonista con tutte le carte in regole per cacciarsi nei guai, è inevitabile per lei impicciarsi di cose che non dovrebbero interessarle, ma è più forte di lei, è come mettere un pezzetto di formaggio sotto il naso di un topolino: prima o poi, più prima che poi, lo mangerà, ma farà anche attenzione a eventuali trappole. E non mi riferisco soltanto al suo lavoro, oh no, quello che intendo io è che non può fare proprio a meno di esser attratta dal nuovo arrivato, "Occhi Verdi": il loro dovrebbe essere un rapporto puramente professionale, solo che al cuore non si comanda e quando si incontrano per la prima volta qualcosa scatta, una piccola scintilla che potrebbe rivelarsi pericolosa.
Tuttavia, nonostante Ivy sia una ragazza forte, in grado di controllare tutto, i suoi sentimenti e le sue azioni, non può lasciarsi andare, non ci riesce neanche, i suoi ricordi la investono come un treno in corsa e lei rammenta ogni secondo la promessa che aveva fatto a se stessa e che, a quanto pare, non ha intenzione di infrangere: creare il minor numero possibile di relazioni sociali per non soffrire qualora succeda qualcosa, perché accadrà, nessuno di quelli che fanno il suo stesso lavoro e che le stanno vicino vive tanto a lungo...

Ora si arriva alla parte bella: il protagonista maschile, nonché mio nuovo bookboyfreind (insieme a Daemon, Aiden e una ventina di altri ragazzi), Ren.
Quando l'ho incontrato per la prima volta durante la lettura, la mia mascella è caduta nell'appartamento della signorina di sotto: ha gli occhi verdi! Come qualcun altro che conosciamo molto bene ;) E niente, poi ha iniziato ad agire e parlare e io mi sono sciolta pian pianino perché è troppo... troppo... insomma, è forte, una testa calda ma mai quanto Ivy, un freddo calcolatore e un combattente molto valido.
Sin dall'inizio la sua figura è caratterizzata da un alone di mistero, non può essere arrivato a New Orleans così, a caso, ci deve essere un motivo ben preciso, che noi non possiamo ben comprendere, non certamente nell'immediato.
Di lui non sappiamo moltissimo e quello che si conosce non ve lo dirò di certo io, ma una cosa è certa, fra i due giovani accadrà qualcosa. E la cosa più bella è vedere Ren che cerca Ivy, sì, la cerca perché vuole stare con lei e perché probabilmente anche a lui piacciono i misteri, però ogni tanto si dimostra un po' scostante, non sempre rimane il ragazzo solare che può apparire, ma si oscura oppure diventa freddo, come se qualcosa di male fosse accaduto e lui non sappia che altro dire o fare.
Insomma, un bel tenebroso con i fiocchi.

E poi c'è Campanellino, una cosina piccolina piccolina ma capace di strapparti un sorriso sin dal primo istante, quando lo incontri collassato in cucina, Ah, se ci fossero un bel po' di Campanellino qui nel mondo reale saremmo tutti più felici e sorridenti perché lui è una fatina simpaticissima, con la sua personalità dona un senso di pienezza alla stanza (e, secondo me, alla vita di chi lo circonda). Oltre tutto, è un Potterhead! Cioè, insomma, quand'è che ci ricapita di trovarne uno in un esserino del genere?
Tuttavia, nonostante la sua piacevole e ingombrante personalità, nonostante faccia proprio tanto ridere, c'è da ammettere che anche lui è misterioso (mamma mia, lo sono tutti qui dentro!): sappiamo come è arrivato sulla Terra e come Ivy lo abbia "adottato", però non sappiamo molto sul resto della sua vita... ma soprattutto, e questa è la cosa più seria, non sappiamo cosa combini quando si trova da solo nella sua camera e si sentono provenire strani rumori da là dentro! Però è comunque troppo forte, c'è niente da fare!
*inizia a pregare il paparino perché le trovi un Campanellino tutto per sé*

Dunque, una cosa interessante è il fatto che la storia di svolga a New Orleans e questo mi ha fatto riflettere su una cosina: com'è che quando qualcuno ambienta la propria storia qui devono sempre esserci dei pazzi scriteriati, dei turisti che ricalcano un po' i cinesi, che passeggiano per le strade e fotografano tutto ciò che trovano (fra un po' anche le cacche di cane), e degli omicidi? Insomma, prima "The Originals", ora questo libro, ma un po' di pace in questa città non la si trova mai? Streghe, fate, vampiri e chi ne ha più ne metta, sembra un covo di matti... ma cos'è che la rende così speciale e ricercata? Forse, il posto in sé potrebbe avere qualcosa di fantastico e di magico, di folkloristico, però mi piacerebbe sapere cosa fa sì che sia una meta di attrazione per persone e... be', altro.

Un'altra cosa interessante, che mi affascina, è certamente la presenza delle fate, creature fantastiche qui descritte in maniera diversa da come me le ero sempre immaginate: non sono più quegli esseri dotati di ali e abiti colorati che festeggiano sempre e che sanno essere vendicativi, o almeno non lo sono sulla Terra, dove si sono trasformate in zombie che hanno bisogno di nutrirsi degli umani per evitare di veder scomparire il loro bell'aspetto.
Insomma, non hanno proprio più nulla di simpatico, sono solo degli affaristi che vogliono conquistare il nostro mondo e a cui non importa degli umani, gli importa solo di se stessi.
Però, prima di dire che sono veramente cattivi bisognerebbe vedere come si comportano nel loro mondo, quindi non esprimerei ancora nessun giudizio definitivo, solo che ora come ora mi stanno un po' antipatici.

Quello che mi è piaciuto di più di questo libro è che, sebbene non ci sia moltissima azione (combattimenti e cose simili), riesce a tenere l'attenzione fissa sulla storia per via del mistero che è sempre dietro l'angolo: tutto e tutti sono misteriosi, persino la protagonista lo è all'inizio, e questo fattore l'ho apprezzato molto perché si scoprono diverse cose in diversi momenti, non viene detto tutto subito e non risulta, a mio parere, nemmeno prevedibile, anche se ormai sono diventata talmente perspicace che la rivelazione finale l'avevo già capita (modestia portami via).
Insomma, "Lontano da te" è un'altra piccola opera d'arte della zia Jenny, la scrittura è sempre fluida e "semplice" ma efficace, in grado di farti calare in questo mondo magico e di farti appassionare alla storia e alle vite dei personaggi, che si rivelano sempre imprevedibili (vedi Campanellino: non sai mai dove e come te lo ritrovi e cosa potrebbe succedere con lui).
Voto:

martedì 16 maggio 2017

Release Blitz: Cassia

Buongiorno! Qui è la vostra Katy che vi parla e anche oggi nessuna gioia all'orizzonte, però, in compenso, siamo giunti a metà maggio, il che significa che fra poco finiranno le verifiche di competenze e si potrà tornare a respirare come si deve! Ah, no, scusate, dimenticavo il polline e le graminacee, la mia allergia, quindi no, si continuerà a starnutire tutto il giorno come se non ci fosse un domani...
A parte queste, oggi sono tornata per presentarvi il nuovo libro di Giovanna Roma, "Cassia", il terzo volume della Deceptive Hunters Series, quindi cominciamo!

Titolo: Cassia
Serie: Deceptive Hunters #3
Autrice: Giovanna Roma
Casa editrice: Self-publishing
Genere: Dark Romance
Data pubblicazione: 16 maggio 2017
Prezzo: €2.99
Goodreads: Goodreads
Booktrailer: YouTube
Trama
Non posso tornare indietro, né procedere con la mia vita.
Sono stata classificata inadatta a vivere nella società. Rinchiusa come un animale.
E questo ha attirato la loro attenzione.
Stanno venendo a prendermi.
Uno dei due vuole quello che nascondo nella testa. Vuole scagliarmi contro la sua preda.
L'altro vuole togliermi di mezzo per sempre.
Entrambi mi spingono verso il precipizio e io sono costretta all'impensabile.
La loro offerta non ha affatto il gusto di un'offerta.
Uscirne è impossibile.
Divengo parte di un piano già in atto.
Divengo l'ultima creatura nella quale pensavo di tramutarmi per continuare a vivere.
Divengo una cacciatrice.
#Attenzione: Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene violente, linguaggio forte e rapporti sessuali di dubbio consenso o non consensuali. Non adatto a persone sensibili al dolore e alla schiavitù. Non sono frasi fatte, è la verità. Si prega di seguire l'avvertimento.#

Opere precedenti:
La mia vendetta con te (dark romance)
Il Siberiano (dark romance)
Il patto del marchese (regency)
Adam (dark romance, Deceptive Hunters Series #1)
Razov (dark romance, Deceptive Hunters Series #2)

Estratto:
Adam non ribatte, prende del tempo per osservarmi. Persino quando tace incute
soggezione. Non sa cosa dire, ho vinto. Ne sono convinta finché il suo pollice preme
intimidatorio sulla mia gola.
«Non tirare la corda.» Il fumo esce dalla sua bocca e mi lacrima gli occhi. Quando il
volto ricompare dalla foschia, avrei preferito rimanerne nascosta. «Perché si spezza»
sussurra sotto i miei colpi di tosse. Infine allunga un braccio indietro e restituisce il
bicchiere a Kirill.
«Cassia non è pronta per la missione. La sua incapacità di sottostare alle direttive di un
superiore è evidente.» L'amico afferra il calice. Ormai Adam mi dà le spalle. Le mani
iniziano a sudarmi. «Non ti improvvisi sicario dall'oggi al domani.» Kirill si sposta per
liberargli l'uscita. «Non capisci cosa siano il duro lavoro e la disciplina.»
Spegne la sigaretta con un gesto brusco sul portacenere del carrello dei liquori. Mi
condanna senza guardarmi. Ho l'assurdo senso di panico quando deludo qualcuno, quando
temo che mi stiano abbandonando perché non mi sono impegnata abbastanza. Il nodo alla
base della gola è difficile da mandare giù.
«Aspetta!» urlo d'impulso. Non ci penso. Se l'avessi fatto, mi sarei tappata la bocca con
entrambe le mani. Adam si irrigidisce, ma attende che prosegua per onorarmi dei suoi occhi.
Sperava nella mia resa?
«Sono pronta a lavorare...» La sua testa si inclina, lo sguardo intercetta la mia figura.
«Per Razov.» E i suoi smeraldi diventano selvaggi e abissali.
Il mio petto riprende a gonfiarsi d'aria, il sangue a fluire misurato nelle vene.
Lavorerò per lui, non per te.
Mai per te.
© "Deceptive Hunters Series" - "Cassia" di Giovanna Roma

Teaser grafico:


Giveaway:
Il giveaway prevede ben tre copie digitali del romanzo "Cassia". Il contest durerà dal 16 al 23 maggio. Il 24 verrà estratto il vincitore attraverso i canali social dell'autrice e i premi verranno consegnati il giorno stesso sui loro kindle.
Partecipare è semplice:
- Like alla pagina dell'autrice su Facebook;
- Condividere il post fisso della pagina dell'autrice sulla vostra bacheca Fb in modalità PUBBLICA;
- Commentare il suo post fisso con i link (o screen) di entrambe le vostre recensioni per "Adam" e "Razov" su Amazon. Capite bene che si tratta dell'ultimo romanzo di una serie e si vuole evitare che vi roviniate il finale.
Entrare nel gruppo Giovanna Roma's News non è obbligatorio, ma molto apprezzato.
Desiderate accedere a estratti, booktrailer, eventi e teasers esclusivi per questo e i prossimi romanzi? Entrate in Giovanna Roma's News e scoprirete tante novità prima dei vostri amici, discuterete con altre lettrici e seguirete in diretta i lavori dell'autrice.

Biografia autrice:
Giovanna è nata e cresciuta in Italia e viaggiando sin da bambina. I generi che leggo spaziano tra thriller, psicologia, erotico e Dark romance. Anche quando un autore non mi convince, concedo sempre una seconda possibilità, leggendo un altro suo libro. È autrice dei romanzi "La mia vendetta con te", il suo sequel "Il Siberiano" e lo storico "Il patto del marchese".
Social:
Pinterest
Blog
Goodreads
Twitter: @_GiovannaRoma_

Bene, il posto di oggi finisce qui e noi ci rivediamo presto.
Pace, amore e tanti libri a tutti!

martedì 2 maggio 2017

Cover Reveal: Cassia

Buongiorno! Qui è la vostra Katy che vi parla e oggi sono tornata per fare una piccola capatina per presentarvi il Cover Reveal di "Cassia", in terzo romanzo della serie Deceptive Hunters di Giovanna Roma.
Ma bando alle ciance e iniziamo che sono un po' di fretta (ah, tanto gentile e tanto onesta pare, la scuola)!

Titolo: Cassia
Autore: Giovanna Roma
Serie: Deceptive Hunters #3
Genere: Dark Contemporary Romance
Data di uscita: 16 maggio 2017
Aggiungetelo su Goodreads: Goodreads
Trama
Non posso tornare indietro, né procedere con la mia vita.
Sono stata classificata inadatta a vivere nella società. Rinchiusa come un animale.
E questo ha attirato la loro attenzione.
Stanno venendo a prendermi.
Uno dei due vuole quello che nascondo nella testa. Vuole scagliarmi contro la sua preda.
L'altro vuole togliermi di mezzo per sempre.
Entrambi mi spingono verso il precipizio e io sono costretta all'impensabile.
La loro offerta non ha affatto il gusto di un'offerta.
Uscirne è impossibile.
Divengo parte di un piano già in atto.
Divengo l'ultima creatura nella quale pensavo di tramutarmi per continuare a vivere.
Divengo una cacciatrice.

Romanzi della stessa serie:
Adam - Amazon
Razov - Amazon

Giveaway:
Molti lettori attendevano l'uscita di "Cassia" prima di iniziare la serie, quindi Giovanna ha pensato proprio a loro nella realizzazione del giveaway.
Il vincitore riceverà la copia cartacea autografata del primo romanzo, "Adam". 
Ecco come vincere: 
- Like alla pagina Facebook Autrice;
- Condividi il post fisso della sua pagina Autrice (http://bit.ly/2kdyXDs) sulla tua bacheca in modalità pubblica;
- Sotto il post fisso della sua pagina commenta con i link o screen delle tue recensioni sui suoi romanzi su Amazon e Goodreads;
- Entrare nel gruppo Giovanna Roma's News non è obblilgatorio, ma aprezzato di cuore.

Il contest inizia oggi per terminare il 6 maggio. Il fortunato verrà estratto domenica 7 sui suoi canali social.
Cassia non uscirà prima di qualche settimana, ma nell'attesa i lettori possono sempre ricevere estratti in anteprima, nuovi teaser grafici, partecipare ad altri giveaway esclusivi e vincere delle copie dei romanzi di Giovanna Roma in anteprima (ARCs).
Come è possibile tutto questo?
Divenendo un membro del gruppo Giovanna Roma's News.

Biografia autrice:
Giovanna è nata e cresciuta in Italia e viaggiando sin da bambina. I generi che leggo spaziano tra thriller, psicologia, erotico e Dark romance. Anche quando un autore non mi convince, concedo sempre una seconda possibilità, leggendo un altro suo libro. È autrice dei romanzi "La mia vendetta con te", il suo sequel "Il Siberiano" e lo storico "Il patto del marchese".
Social:
Pinterest
Blog
Goodreads
Twitter: @_GiovannaRoma_

Bene, il post finisce qui, spero che abbia destato la vostra curiosità e noi ci rivediamo presto.
Pace, amore e tanti libri a tutti!


venerdì 28 aprile 2017

Segnalazione L'Incensiere

Buongiorno! Qui è la vostra Katy che vi parla e oggi sono un pochino di corsa perché ho millecinquecentocinquantanove cose da fare e devo sbrigarmi, però intanto vi lascio un piccolo post, una segnalazione del romanzo di un autore emergente, Valerio Dalla Ragione.


Titolo: L'incensiere
Autore: Valerio Dalla Ragione
Genere: Fantascienza, Distopico, Storico, Assurdo
Casa editrice: Lettere Animate Editore
Prezzo: €16.50 (cartaceo)
Link acquisto: Amazon  Ibs
Pagine: 382
Data di uscita: 11 gennaio 2017

Trama
Con vostra grande sorpresa vi scoprite essere lo scomodo bersaglio della classe dominante della vostra città, una città dove centotrenta milioni di persone vivono con lo spettro di un conflitto che potrebbe annientare le loro esistenze. Mentre la corruzione dilagante ingloba la vita politica e un monarca semi-umano getta le fondamenta di una nuova società, la morte a cui vi hanno predestinato potrebbe non essere la vostra unica opzione: dimore imperiali oltre la via della seta, autostrade informatiche, etnie robotiche sepolte nel tempo e cerimonie del tè in un pomeriggio d'autunno si mostreranno nel campo delle vostre possibilità. Fra i riflessi distorti di una metropoli dormiente e le notti di delirio nella ferocia di un'altra epoca, vi chiederete se le domande sulla vostra vita è quello che vi circonda valgano la pena di essere poste.

Biografia autore
Toscano, classe '95. Dopo essersi diplomato al Liceo Classico F. Petrarca di Arezzo, è studente di laurea triennale in economia alla Copenhagen Business School. L'incensiere è il suo secondo romanzo - il primo, Selène, è stato pubblicato nel 2015 da Lettere Animate Editore. Coltiva la composizione al pianoforte e la lingua cinese nel tempo libero.

Bene, per oggi è tutto, noi ci vediamo presto, spero.
Pace, amore e libri a tutti!

giovedì 27 aprile 2017

Recensione Daimon

Titolo: Daimon
Autore: Jennifer L. Armentrout
Genere: Fantasy
Casa editrice: Spencer Hill Press
Prezzo: €3.88 (copertina flessibile)
Pagine: 75






Trama
Per tre anni, Alexandria ha vissuto fra i mortali - fingendo di essere come loro e cercando di dimenticarsi il dovere che era stata addestrata a soddisfare in quanto figlia di un mortale e di un semidio. A diciassette anni, è abbastanza accertato il fatto che sia stravagante per gli standard mortali... e che lei non sarà mai preparata per quel dovere.
Secondo sua madre, questa è una buona cosa.
Ma come ogni discendente degli dei sa, il Fato ha un modo per educare la sua brutta testa. Un orribile attacco costringe Alex a lasciare Miami e a cercare di trovare la sua strada per tornare proprio nel posto in cui sua madre l'aveva avvertita di non tornare - il Covenant. Ogni passo che la porta sempre più vicino alla salvezza è un passo verso la morte... perché lei è stata cacciata proprio da quelle creature che era stata allenata a combattere.
I daimon l'hanno trovata.
Recensione
Buongiorno! Qui è la vostra Katy che vi parla, resuscitata per un attimino dai libri di scuola che l'hanno uccisa lentamente, piano pianino nel corso di queste ultime settimane. Voi, invece, come state? Spero che questa primavera, che ultimamente sembra quasi inverno con tutto il vento freddo che c'è dalle mie parti (che, ovviamente, fa muovere tutto il polline e il mio naso ringrazia), stia procedendo bene, senza intoppi.
Comunque, eccomi tornata con una nuova mini-recensione, quella di una novella della "Covenant Series", un altro gioiellino della zia Jenny, che io ho letto in inglese tempo prima dell'uscita in Italia e per tanto vi trovate la trama inglese tradotta da me e non quella italiana perché al tempo c'avevo messo mezz'ora per produrne una decente, ma bando alle ciance e iniziamo!

Sono ormai tre anni che Alexandria girovaga con sua madre per il paese, tre anni da quando la madre l'ha portata via dal Covenant, dai suoi allenamenti e dai suoi amici, senza darle alcuna spiegazione, tre anni in cui non ha fatto altro che guardarsi le spalle in caso di attacchi di Daimon o dell'arrivo di Sentinelle, tre anni in cui cerca di confondersi in mezzo agli umani, vivendo una vita da umana e sembrando una semplicissima umana.
Tuttavia, i problemi sono dietro l'angolo, e tutto ha inizio con una festa in spiaggia: mentre si trova in compagnia del suo ragazzo, compaiono due giovani che non sembrano avere buone intenzioni, così lei reagisce come se fosse ancora al Covenant e si fosse trovata in mezzo a un importante attacco, ma questa sua reazione non provoca altro che guai ed è così che torna a casa spaventata da ciò che potrebbe pensare sua madre della situazione.
Purtroppo per lei non c'è tempo per pensare a sistemare le cose perché i daimon irrompono in casa loro e annientano tutto ciò che aveva fatto parte della sua vita: costretta a fuggire, Alex decide di dirigersi nella sua vecchia scuola, ma il viaggio sarà molto lungo e pericoloso perché, per qualche strano motivo, loro continuano ad inseguirla e non sarà facile seminarli.

Dunque, grazie a questa novella abbiamo l'opportunità di osservare uno squarcio della vita da umana di Alexandria: sebbene possa sembrare che si trovi relativamente bene fra gli umani, non può fingere dentro di sé di non essere una discendente degli dei e, per tanto, spesso combina guai, reagisce con troppa violenza a certe situazioni al punto da dover poi trasferirsi in un altro posto per ricominciare tutto daccapo. Ed è proprio durante una di queste situazioni che ritroviamo la nostra solita protagonista tenace, un po' testarda e, forse, ma dico forse, un po' senza mezze misure.
Vediamo anche qualcosina a proposito del suo rapporto con la madre, un rapporto molto bello in quanto lei ci tiene molto, ma al contempo non può ignorare il fatto che sia stata lei ad allontanarla dal suo habitat naturale senza darle una spiegazione.
Un'altra cosina che mi ha fatto venire gli occhi a cuoricino, tipo così:
è stato il fatto che lei non riesce a smettere di pensare a degli occhi grigi, gli occhi di un ragazzo più grande di lei che frequentava anche lui il Covenant... cioè, avete capito? NON RIESCE A SMETTERE DI PENSARE A LUI! 
Eh, insomma, era cotta anche prima!

La cosa interessante di questa novella è che ci dà un quadro sulla situazione immediatamente precedente a ciò che succede all'inizio di "Tra due mondi", ci svela gli attimi che l'hanno portata in quella casa, la causa, il viaggio per arrivarci e le difficoltà che ha incontrato durante il percorso e questo è molto interessante perché adesso sappiamo tutto o quasi.
Insomma, anche se è molto breve ho adorato questa storiella, diventavo sempre più curiosa di scoprire come sarebbe proseguita man mano che andavo avanti con la storia ed è stato molto bello vedere la vita da umana della protagonista, così abbiamo scoperto cosa provava, cosa succedeva e quali erano i suoi pensieri nel mondo di noi poracci che non abbiamo superpoteri o altre figate del genere (ma una gioia nella vita mai?).
Ancora una volta la zia Jenny riesce a dotare un suo libro, che per di più è una semplice novella, di quel quid in più che hanno i suoi romanzi, compresa quindi la sofferenza, ma per fortuna qui ce n'è poca, complice anche la brevità del racconto, ne sono sicura.
Se amate questa autrice e questa serie non potete perdervi questo ex cursus tanto carino e tanto breve, ma bello tosto.

Alla prossima!
Voto:



lunedì 24 aprile 2017

Cucù... c'è nessuno?

Cucù... C'è nessuno?
*si guarda intorno*
...
Be' per chiunque ci sia ancora: buongiorno! Qui è la vostra Katy che vi parla e, sì, dopo circa un mese sono finalmente tornata!
Va bene, ammettiamo che non so esattamente le prossime settimane che cosa succederà, però cercherò di postare qualcosina una volta ogni tanto perché mi dispiace moltissimo non fare nulla qui sul blog, però purtroppo nell'ultimo periodo ho avuto un bel po' da fare. Ma prima di dirvi qualsiasi cosa, fatemi spiegare i motivi che mi hanno tenuta lontano da questo angolino tanto carino.
In primo luogo c'è, ovviamente, la scuola: dopo le vacanze di Carnevale sono iniziate le interrogazioni e ho avuto più verifiche da preparare, per cui ho dovuto studiare molto anche perché, non dico di essere una perfettina, ma se non ripasso gli argomenti per le veri (come le chiamo io molto amorevolmente) e le interr. (abbreviamo pure che mi stanno antipatiche) almeno tre o quattro volte io non mi sento sicura, ho paura di dimenticarmi le cose e, di conseguenza, questo mi toglie sempre un sacco di tempo per fare quello che voglio fare per me stessa.
In secondo luogo, a novembre avevo iniziato un progetto che si chiama Digital Mate Training che consiste nel risolvere dei problemi (alcuni sono veramente difficili) tramite un ambiente di calcolo canadese che si chiama Maple e che mi ha fatto dannare come non so che cosa perché, a quanto pare, i canadesi che l'hanno inventato non avevano proprio nulla da fare se non creare una cosa complicata e in alcuni casi anche "stupida". Comunque, a marzo ho disputato la semifinale e sono riuscita a passare a quello che si chiama Training Avanzato, il che è quasi diventato il mio fidanzatino, insomma, "esco" più con i problemi che di casa, ma questa situazione dovrebbe finire presto perché fra non molto c'è la finale e tutto tornerà alla normalità... Ah, no, scherzavo, a maggio iniziano le verifiche di competenze!
Vi posso assicurare che le competenze sono le verifiche peggiori: non solo devi fare la stessa veri delle altre classi e nella stessa ora, ma è anche preparata da un professore che non è il tuo, che potrebbe essere un angelo o, più probabilmente, una sorta di Valentine mondano che non ha di certo intenzione di farti prendere un ultimo bel voto, anzi, ti metterà nei casini (per non dire altro) chiedendoti di scrivere il sinonimo o il contrario di una parola in latino o in greco, di tradurre una piccola versioncina senza dizionario come se le due lingue sopra citate fossero le tue lingue madri e... insomma, vi piace vero? Dite la verità, state sgomitando per essere al mio posto?
*nel frattempo continua a sbattere la testa contro il muro*

Bene, questi due erano i principali motivi di questa lunga assenza e direi che non c'è bisogno di commentarli, lo fanno già da soli... Ora posso passare a dirvi qualcosina a proposito del blog:
1- ho intenzione di recuperare tutte le rubriche, specialmente "Canticchiando fra i libri" perché ultimamente ho sentito un sacco di canzoni veramente belle e non vedo l'ora di scervellarmi per capire quale possa andare bene per un certo libro piuttosto che per un altro.
2- non ho letto moltissimo in questo periodo, anzi direi che non ho quasi letto, tuttavia presto posterò tre nuove recensioni, che saranno tutte super positive perché questi libri mi sono piaciuti veramente tanto, e spero nel frattempo di riuscire ad immergermi in qualche nuovo mondo per potervene parlare e darvi qualche recensioncina in più.
3- stavo pensando, ma è solo un pensiero, che potrei iniziare una sorta di rubrica a cadenza del tutto casuale: mi piacerebbe sfruttare questo blog anche come diario, parlare di qualcosa che ho notato durante la mia miserabile vita e che non mi sono piaciute oppure di comportamenti che ho visto e a cui non saprei reagire, di modo da avere una sorta di confronto con voi, però non sono sicura, che ne pensate?
4- dunque, questo punto non ha a che fare tanto con il blog ma è sempre nello stesso contesto: devo commentare di più. E' da tempo che me lo ripeto, devo cercare di vincere la mia timidezza e scrivere un commentino quando leggo un post, perché ne leggo molti ma non faccio mai nulla oppure sono tentata di farlo ma poi cancello tutto... quindi questo è un obiettivo da raggiungere.

Allora, per oggi è tutto, noi ci vediamo presto e, insomma... sono tornata!

Alla prossima!

giovedì 9 marzo 2017

Recensione Cuore Puro

Titolo: Cuore Puro
Autore: Jennifer L. Armentrout
Genere: Young Adult Paranormal Fantasy
Casa editrice: HaperCollins Italia
Prezzo: €16.00 (copertina rigida)
Pagine: 336






Trama
Essere destinata a diventare una specie di fonte di energia soprannaturale non è esattamente quello che Alexandria sognava nella vita. Neanche se i suoi poteri servono a Seth, l'Apollyon, il più potente dei Mezzosangue, nonché... la sua ombra. Seth non la lascia un momento: la segue durante gli allenamenti, l'aspetta alla fine delle lezioni, compare persino nella sua camera da letto. E' vero che la sua presenza ha anche degli effetti benefici - per esempio, con lui accanto Alex non ha più gli incubi terribili del tragico confronto con la madre - ma non ha alcuna influenza sui sentimenti fortissimi e proibiti che prova per il Puro Aiden... e nemmeno su ciò che lui è disposto a fare, e a sacrificare, per lei. Quando i daimon penetrano nel Covenant e attaccano gli studenti, gli dei inviano le Furie, divinità minori determinate a distruggere ogni pericolo per la scuola, incluso l'Apollyon e... Alex. E come se avere a che fare con un'orda di mostri dell'etere non fosse abbastanza, un'altra misteriosa minaccia incombe su di loro: qualcosa, o qualcuno, vuole neutralizzare Seth, anche se questo significa rendere schiava Alex o addirittura ucciderla. Ma quando ci sono di mezzo gli dei, semplicemente alcune decisioni non possono essere cambiate. Per nessun motivo.
Recensione
Buongiorno! Qui è la vostra Katy che vi parla dopo una settimana in cui la qui presente si è presa una pausa un po' forzata a casa dello studio che non mi ha fatto avvicinare al computer per un attimo che fosse uno.
A parte questo, oggi sono tornata per parlarvi di un libro bellissimo che ho letto un po' più di un mese fa (quando ancora potevo leggere in tranquillità, senza dover pensare alla scuola) e che ho adorato dalla prima all'ultima parola: sto parlando di "Cuore Puro", il secondo volume della Covenant Series della zia Jenny che ho trovato nettamente migliore del precedente, che mi era piaciuto ma non così tanto come questo. *cuoricini, cuoricini dappertutto*

E' finita l'estate anche al Covenant e Alex è entrata nel giro delle lezioni e degli allenamenti proprio come tre anni prima: tuttavia, la sua vita è molto dura, oltre a dover allenarsi più degli altri sia con Aiden sia con Seth, l'Apollyon, qualcuno le ricorda costantemente quello che ha fatto sua madre e cosa le hanno fatto i daimon. La situazione peggiora ulteriormente quando una minaccia arriva al Covenant e porta scompiglio nelle vite di tutti, prima di tutto in quella di Alex, poiché qualcuno, dei daimon, è riuscito a penetrare all'interno nonostante le misure di sicurezza e alcuni sono rimasti "coinvolti" nella faccenda; come se non bastasse, nella Hall sono comparse le Furie, il che significa che la situazione è veramente critica e che gli dei sono pronti a intervenire nel loro mondo qualora ritengano che abbiano creato troppi problemi.
Insomma, mentre da una parte i suoi sentimenti nei confronti di Aiden crescono, senza che lei possa fare qualcosa, e mentre inizia ad instaurarsi uno strano rapporto fra lei e Seth, la protagonista dovrà cercare di comportarsi bene, di non combinare casini per non essere cacciata a fare la serva e cercare di non creare troppi guai seri, soprattutto ora che la situazione si è fatta più spinosa con l'arrivo delle Furie; inoltre, dovrà anche guardarsi le spalle perché c'è qualcuno che potrebbe volerla togliere di mezzo per via di quello che è e per via di quello che alcuni credono che lei sia a causa delle sue cicatrici.

Alex si dimostra come sempre una vera combattente: è determinata, forte, non si fa mettere i piedi in testa da nessuno, a momenti nemmeno dalle autorità, ma soprattutto è una ragazza fiera, non apprezza per nulla le offese gratuite e forse è anche un pelino troppo permalosa quando si tratta di cose personali (diciamo che reagisce in maniera esagerata, talvolta).
Se nello scorso volume era determinata a dimostrare a tutti il suo impegno per rientrare al Covenant, qui è determinata a dimostrare di essersi meritata questo rientro, di meritarsi il suo posto da sentinella; tuttavia, inizia a mostrare una sorta di fragilità, un punto debole che è collegato a quello che è successo con sua madre: ogni notte ha incubi che le impediscono di dormire, quando si osserva vede soltanto una ragazza la cui pelle è stata martoriata perché ha deciso di compiere un gesto nobile nel acconsentire ai daimon di nutrirsi del suo Etere per salvare il suo amico Caleb.
Inoltre, in lei vediamo crescere uno spirito di ribellione, inizia ad accendersi una fiamma che potrebbe rivelarsi molto pericolosa, perché inizia a combattere contro tutte quelle regole che vedono i Mezzosangue come inferiori rispetto ai Puri e, forse, questo deriva non solo da come vede trattare la sua "razza", ma anche dai sentimenti che prova per il proibito Aiden, un Puro a cui non dovrebbe neanche pensare.
Quello che mi piace di lei è il fatto che, nonostante soffra molto per la madre, per Aiden e per... be', se avete letto il libro lo saprete sicuramente *va a piangere in un angolino*, rimane sempre forte, non si fa abbattere sebbene dentro di sé cerchi di convivere con tutto quello che ha fatto e che è capitato.

Aiden si dimostra un po' diverso dal precedente volume, o almeno io ho avuto questa impressione: mi è sembrato più duro, più bello e dannato alla Daemon Black, più della serie "vorrei tanto, ma non posso" e questo lo ha fatto salire di molto nella mia classifica immaginaria dei miei bookboyfriend preferiti.
All'inizio della nostra storia ci ritroviamo di fronte un giovane uomo che è impegnato ad allenare la protagonista, ma soprattutto un giovane uomo che vorrebbe lasciarsi andare ai suoi sentimenti, fare quello che gli va di fare senza aver paura di essere scoperto e di provocare terribili conseguenze a causa dei suoi possibili gesti, e che invece si ritrova a dover diventare impassibile di fronte a una persona che per lui è molto più che una semplice allieva: è proprio per questo motivo che molte volte lo vediamo fare un passo avanti alla canonizzazione della ship e tre indietro, ci appare proprio come una povera anima tormentata che non sa cosa fare, o meglio lo saprebbe se solo non rischiasse di rovinare tutto per via delle leggi che impediscono a Puri e Mezzosangue di frequentarsi.
In questo volume ci è permesso di osservare una parte più oscura di Aiden, come se attorno a lui ci fosse un'aura fatta di forza, determinazione, dannazioni, paure e sentimenti forti che lo rendono un personaggio molto più cupo del precedente volume, un personaggio afflitto dal famigerato dubbio amletico e con un conflitto interiore non dei migliori, pieno di dubbi e di scelte da fare, scelte che potrebbero rivelarsi fatali, ma cos'è la propria felicità a confronto del dolo re che potrebbe provocare?

In questo volume ampio spazio è dato al personaggio di Seth, l'Apollyon, il che ci permette di conoscerlo per quello che è: sin da subito si dimostra un personaggio dall'ego smisurato (e qui ci starebbe la battutina di Daemon... e non pensate che io abbia una mente malata perché non è così, è solo che questa me la sono servita su un piatto d'argento), enormemente sicuro di sé, soprattutto della sua avvenenza e capacità di far cadere tutte le donne ai suoi piedi; è, oltretutto, un ragazzo molto forte fisicamente, ma anche dotato di una certa forza mentale, che sotto tutti quei muscoli dimostra di avere un cuore capace di mettersi a disposizione di qualcuno in particolare nel momento del bisogno, capace di dispensare consigli e, in un qualcerto senso, si rivela anche sensibile. Però non dobbiamo dimenticare che è praticamente l'essere umano più potente nel mondo dei semidei e, di conseguenza, ci sono delle volte in cui fa un po' paura perché è veramente potente e per questo nessuno bada alla sua età (a momenti pure io mi scordo quanti anni abbia).
Seth è uno di quei personaggi tipici della Armentrout irriverenti, talvolta maleducati, ma, siamo materialisti, tanto fighi al punto da potergli perdonare quasi tutto, anche il fatto che ci provi con l'altra metà della mia ship, cosa che non va affatto bene perché loro due DEVONO stare insieme e, per quanto tu sia tanto bello, devi allontanarti da Alex, per favore e grazie.
Insomma, con la sua presenza la temperatura inizia ad alzarsi perché lui è tipo... diciamo che quando è presente lui l'atmosfera cambia, magari diventa più tesa in certe occasioni in quanto mostra il suo lato killer, magari diventa più leggera per via della sua spiritosità, ma fatto sta che la sua persona sembra avere un certo magnetismo, dovunque vada attira l'attenzione e questo succede anche perché è molto carismatico, quando vuole.

Dunque, se il precedente volume mi era piaciuto molto, ma vi avevo trovato qualcosa che mancava rispetto alla "spigliatezza" della saga Lux, che sarà sempre la mia serie preferita della zia Jenny, con "Cuore Puro" mi sono dovuta ricredere: non solo non c'è la maledizione del secondo volume di una serie, che in genere è più tranquillo, meno pregno di azione e preparatorio per il successivo, ma è stato molto più entusiasmante, non sono riuscita a staccarmi neanche un attimo perché è troppo bello!
Quel pepe che mi era sembrato mancare in "Tra due mondi" lo ritroviamo finalmente qui a rendere la storia piena di azione, di vita, di movimento, non c'è un attimo in cui ci si ferma, nemmeno quando siamo nella fase degli allenamenti di Alex, e questo ha contribuito a farmi catapultare in questo bellissimo mondo, metaforicamente parlando (ovvio, perché se ci fossi finita dentro per davvero a quest'ora non sarei più tornata, avrei sposato Aiden e saremmo vissuti felici per il resto dei nostri giorni).
C'è da dire, tuttavia, che le gioie non vengono mai da sole perché se, da una parte, la storia si fa sempre più intrigante e ha preso lo stesso ritmo degli altri libri della Armentrout, dall'altra ha preso anche qualcos'altro dalle altre serie: il mainagioia dietro l'angolo. Eh sì, anche qui c'è molto da soffrire, soprattutto per via della storia/non storia d'amore fra gli Aidex, gli Alden, gli... (che nome ha la loro ship? Vabbe', torniamo a quello che stavo dicendo), che ti fa piangere il cuore perché tecnicamente i due non possono stare insieme, però è innegabile la chimica fra loro due, ci sono certi sguardi, certi sfioramenti che... che... ecco, adesso mi viene da piangere perché ho paura che una gioia per questi due non arriverà tanto presto.
E poi, c'è anche un'altra cosa che fa veramente tanto male, una cosa che io non mi sarei mai aspettata e quando l'ho letta ci sono rimasta di sasso, ero in uno stato catatonico che manco Lydia e continuavo a ripetermi che non era possibile, che non era vero... ed è così che per il resto della lettura sono rimasta sconvolta, finito il libro mi sono chiesta che cosa ne avrei fatto della mia vita ora che il mio cuore era stato completamente straziato, tagliuzzato in mille pezzi...
Però c'è da ammettere che questa autrice riesce sempre a farmi sentire a casa, quando leggo i suoi libri mi sento bene, come se fossi tornata dopo un viaggio nel mio habitat naturale, e la capacità con cui riesce a creare dei mondi bellissimi e con cui fa soffrire il lettore è esponenziale.
Davvero, non ho parole per esprimervi quanto mi sia piaciuto questo libro, l'ho adorato dall'inizio alla fine e nonostante tutte le sofferenze ne vale veramente la pena.
Voto: